Successo per Diplomacy X. 
La decima edizione del  Festival quest’anno si è conclusa con record di presenze.

Chiude con un grande risultato Diplomacy X, la decima edizione del Festival della Diplomazia: 80 eventi e oltre 10.000 ospiti, 8 Università sul territorio romano, 5 proiezioni, 2 mostre, 2 concerti, 6 presentazioni di libri, lo spettacolo di Ezio Mauro al Teatro Palladium, 2 presentazioni di report della World Bank.

Eventi che hanno messo allo stesso tavolo Iran e Arabia Saudita, Repubblica Ceca e Slovacchia, Italia e paesi membri del gruppo IORA, gastronomia italiana e indonesiana, aziende e professionisti dell’intelligenza artificiale, giovani studenti e diplomatici.

Soddisfatta il Vice Ministro degli esteri e della cooperazione internazionale Carla Del Re che durante la serata conclusiva a Villa Madama ha salutato il pubblico di diplomatici e ospiti intervenuti plaudendo il lavoro e il ruolo della diplomazia nel mondo: “I diplomatici oggi subiscono forti pressioni, ha detto il Vice Ministro l’opinione pubblica ragiona rapidamente e gli ambasciatori sono persone della strada che devono lavorare per e insieme agli altri con due grandi caratteristiche: empatia e coraggio”. La Del Re ha poi aggiunto come: “Questo Festival giunto alla decima edizione con questo entusiasmo, passione e pluralità di temi e’ come una medicina che ci difende dal pressapochismo, dall’approssimazione e dal sensazionalismo ma ci riporta ad una serietà di pensiero e ad una pausa di riflessione importante che deve soprattutto servire ad un azione determinata ed efficace.

Soddisfatto dei risultati raggiunti oltre all’Ambasciatore Massolo anche Aurelio Regina del Comitato Scientifico del Festival che dice: “ci siamo riusciti” sottolineando il grande sforzo e la grande soddisfazione anche quest’anno e il grande coinvolgimento in termini di numeri di studenti e consolati coinvolti in una città come Roma che nella settimana del festival ha ospitato anche altri grandi eventi.  In totale si è raggiunto quota 375 ospiti, 34 ambasciatori accreditati fra gli ospiti. Olanda, Germania, Serbia, Sudafrica, Australia, Repubblica Popolare Cinese, Libia, Nuova Zelanda, Norvegia, Indonesia, Malta, Slovacchia, Repubblica Ceca, Lettonia, 78 ambasciate coinvolte: Olanda, Germania, Serbia, Sudafrica, Francia, Australia, Svizzera, Repubblica Popolare Cinese, Ordine di Malta, Russia, Estonia, Cile, Indonesia, Iran, Arabia Saudita, Libia, Turchia, Marocco, Polonia, Costarica, Nuova Zelanda, Mongolia, Norvegia, Lettonia, Regno Unito, Lituania, Croazia, Irlanda, Giappone, Malesia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Malta. 3 già ministri degli affari esteri e della cooperazione internazionale: Franco Frattini, Enzo Moavero Milanesi, Angelino Alfano-

Temi che hanno spaziato dalla geopolitica alla cybersicurezza, dalle migrazioni al multilateralismo, dalla transizione energetica all’intelligenza artificiale, dalla cultura alla finanza fino alla cooperazione internazionale per affrontare climate change

Ottimo il risvolto mediatico di quest’anno. Ci sono state dirette tv con gli ospiti del festival sui principali programmi di approfondimento come Speciale TG1, TG2, SkyTg24 Timeline, RaiNews24 e copertura radio e carta stampata sulle principali testate, agenzie stampa e network radiofonici nazionali. Oltre 15.000 minuti di visualizzazione dei contributi video e oltre 1.500.000 visualizzazioni dell’hashtag #diplomacy19

Una no-stop di 7 giorni con  80 eventi in programma, con relatori provenienti da oltre 30 paesi del  mondo, 30 location, 8 Università coinvolte con un’ ampia rete di istituti di ricerca in politica internazionale a confronto su tutte le questioni aperte analizzate attraverso un’inedita lente di ingrandimento, da parte di chi muove le fila della scena internazionale e della politica estera.Nei dieci anni di vita il Festival della Diplomazia ha assistito e raccontato l’elezione di tre Presidenti della Commissione Europea, due Presidenti degli Stati Uniti d’America e otto Ministri degli Affari

Esteri del Governo Italiano. Ha testimoniato l’inizio di 11 conflitti internazionali e la cessazione di 12 guerre sparse per il mondo.

Organizzato con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e

della Cooperazione Internazionale, della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e di Roma Capitale, il Festival della Diplomazia, è ormai un classico appuntamento per la Comunità Diplomatica presente nella città, che s’incontra e dibatte in sedi istituzionali e luoghi “altri”, e rende Roma assoluta protagonista della discussione e dell’analisi geopolitica e diplomatica.